tux Torna alla home page Introduzione all'Analisi N
Precedente Prossimo Indice

KARL THEODOR WILHELM "TIROLO" WEIERSTRASS

Matematico (ne dubitavate?) tedesco (Ostenfelde 1815 - Berlino 1897) di madre irlandese e padre polacco (ferito nell'onore). Abbandonati gli studi di giurisprudenza (per la gioia dell'intero settore), si dedicò (purtroppo) alla matematica, compiendo ricerche fondamentali volte soprattutto a fondare l'Analisi su basi rigorose, senza lacune o presupposti non dimostrati, e affondare ogni minima speranza di passare Analisi II: insomma, tutto quello che Cauchy si era dimenticato di fare lo ha fatto lui... ma ci domandiamo se era proprio necessario e anche supponendo che lui ne sentisse un impellente bisogno, doveva proprio rendere pubbliche queste sue scoperte? lo ha fatto forse per sete di fama? era mosso da intenti bellici? era un arrivista? era solo una marionetta mossa dalle grandi potenze?

Tutto quello che possiamo dire è che ha reso più divertenti (per i professori) gli esami orali, consentendo loro di martellare in modo più preciso e incisivo e di bocciare con più amorevole sadismo. Il suo lavoro fu raccolto dopo la sua morte nelle Gesammelte Abbandlungen (1894-1927) e malgrado numerosi tentativi, nessuno riusc´┐Żmai a distruggerlo.
L'opera di Wey, cospicua per chiarezza e logicità(57), è impostata quasi completamente sullo studio e la costruzione della teoria delle funzioni di variabile reale (quelle che non capitano mai allo scritto), nel cui ambito enunciò numerosi teoremi (purtroppo dimostrandoli anche) e della teoria di funzioni di variabile complessa: di quest'ultima, Wey può essere considerato il fondatore (mortacci sua).
Il Tirolese portò infine notevoli contributi allo studio delle funzioni ellittiche e abeliane e del calcolo delle variazioni e malgrado questo non fu mai nè incarcerato nè tantomeno processato: l'inciviltà era davvero propria di quei tempi.


(57) per senso di civiltà e responsabilità non ci siamo sentiti di eliminare il termine "chiarezza", comunque ci sentiamo umilmente di dissentire su questo punto.

 


Precedente Prossimo Indice